2

CHE TIPO DI BAND?

Country o Western?

Premessa: nessuno dei cinque è alla prima esperienza di gruppo. Pertanto, a tutti sembra naturale l’idea affrontare un periodo di rodaggio attraverso qualche cover “conoscitiva”.

Fortunatamente, gli orizzonti musicali comuni non mancano, ma i primi esperimenti (con protagonisti Raconteurs, Muse e similari) portano quasi subito al risultato meno prevedibile: la neonata band preferisce nettamente concentrare i propri sforzi su brani originali o libere improvvisazioni strumentali, piuttosto che sui riadattamenti.

L’inizio del 2016 vede la nascita delle prime composizioni “fatte e finite”, molte delle quali vengono tuttora suonate dal quintetto con un perenne senso di novità, come la devastante Sotto Assedio o la minacciosa La Legge del Più Forte, ma persino accenni a Il Tempo Dell’Inverso e a Il Branco, e una versione praticamente consolidata di Violento.

“Più ti guardo e più lo so che sei colpevole

Tu mi guardi con occhio supplichevole e mi dici

Fratello, perchè dovrei volerti fregare

Se sei l’unico all’infuori di me di cui mi posso fidare?”

Sotto Assedio, NSPC

La scrittura dei testi è perlopiù nelle mani di Simo, che dopo varie riflessioni si getta per la prima volta sulla lingua italiana, con risultati ancora vagamente adolescenziali (Ferocia e la ballata Al Riparo) ma che già determinano la direzione etica dei Twang : metafore bestiali e a tratti fiabesche (La Legge del Più Forte, Sotto Assedio) si alternano a riflessioni personali su rapporti umani abusivi e malati (Violento, Maschera).

Dover incastrare in ogni brano tre ingombranti linee chitarristiche senza che ci siano scontri di parte (e di ego) è sicuramente la sfida più interessante, che trova le sue guide spirituali in varie formazioni “three guitar sound” quali Radiohead, Foo Fighters e Queens Of The Stoneage, ma la ricerca di equilibrio è facilitata dall’ormai consolidata sezione ritmica composta da Luke e Morris (e dal fatto che Simo imbracci spesso la chitarra acustica).

Nonostante il sound complessivo risulti ancora (giustamente) abbastanza derivativo, i Twanghi sono finalmente pronti a salire sul palco!

TWANG BOOK page 2